nn5n Foundation
Branch of SCP Foundation
nn5n: scp-241 La Buona Cucina di Casa
SafeSCP-241 La Buona Cucina di CasaRate: 73
SCP-241
spc-241.jpg

SCP-241 in una cucina da test, dopo essere stato aperto dal Soggetto D-████████

Elemento #: SCP-241

Classe dell’Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-241 deve essere tenuto al Sito 19 tramite l’uso di procedure operative standard per il contenimento di libri e manoscritti SCP di classe Safe (vedi Documento 241-05-3H), con le seguenti condizioni aggiuntive: SCP-241 deve essere tenuto aperto su di una superficie piana, con dei fermi posti sulle due pagine in modo da evitare la chiusura accidentale del libro stesso. I dispositivi di contenimento devono essere controllati almeno una volta a settimana per verificarne l’integrità strutturale. Ogni anomalia deve essere immediatamente segnalata al Comando del Sito.

L’accesso a SCP-241 è ristretto. Ogni utilizzo di SCP-241 deve essere registrato. SCP-241 deve essere trasportato tramite leggìo autorizzato in modo che non si possa chiudere accidentalmente durante il suo spostamento.

Nel caso in cui SCP-241 venga aperto al di fuori di un ambiente di sperimentazione, l’ultima persona ad averlo toccato deve fare rapporto all’infermerìa più vicina, e un membro del personale di classe D deve chiudere e riaprire SCP-241.

Descrizione: SCP-241 possiede le fattezze di un normale libro, 33 cm x 23 cm x 3.5 cm, dal titolo La Buona Cucina di Casa. La copertina di SCP-241 ha un design a scacchiera con quadrati bianchi e rossi, con il titolo stampato a semplici lettere nere sul fronte e sul dorso. Quando aperto, SCP-241 contiene 99 ricette, divise in sezioni tipiche di un libro di cucina. Molte di queste ricette includono una foto della pietanza dall’aspetto invariabilmente appetitoso, e una piccola percentuale di queste potrebbe richiedere ingredienti rari o esotici.

Ogni volta che SCP-241 viene aperto da un soggetto (conosciuto d’ora innanzi come l’Obiettivo) diverso da quello che lo aprì per ultimo (ad esempio il precedente Obiettivo), le ricette contenute nel libro cambiano. Le investigazioni preliminari hanno concluso che se l’Obiettivo mangia una pietanza preparata da una delle ricette contenute in SCP-241, quella persona presto muore di apparente shock anafilattico. Altri che mangiano la stessa pietanza non sono similmente affetti. Sono stati autorizzati dei test in modo da determinare l’esatta natura degli effetti di SCP-241.

SCP-241 sembra impossibile da sporcare e immune perlomeno a dei danni lievi. Ad esempio, delle salse versate sulle sue pagine spariscono quasi istantaneamente, e le pagine strappate o tacche sulla copertina sono riparate in una manciata di secondi. Ulteriori sperimentazioni sulla durevolezza di SCP-241 non sono autorizzate senza il consenso da [DATI CANCELLATI] e [DATI CANCELLATI].

La ricerca su SCP-241 continua, comprendendo anche potenziali interazioni con altri oggetti SCP. Per ulteriori informazioni riguardanti la sperimentazione corrente, prego consultare il Registro Supplementare degli Esperimenti


Direttiva 241-S06, ██/██/20██

Alla luce dei recenti risultati dei test con SCP-241, non è autorizzato alcun ulteriore test di SCP-241 su del personale senza preesistenti allergie alimentari senza un’Autorizzazione di Sicurezza di Livello 4. La sperimentazione può tuttavia continuare sul personale con allergie alimentari preesistenti finché una documentazione riguardanti tali allergie sia stata presentata a [DATI CANCELLATI]. –O5-██.

Direttiva 241-S09, ██/██/20██

La riclassificazione dell’SCP-241 alla classe Euclid è stata negata. Davvero, il libro di cucina? Lasciatelo nella propria stanza e tutto andrà bene. Non è colpa di nessuno se non vostra se non sapete a cosa siete allergici e non vi interessate di scoprirlo prima. A meno che non stiate cucinando per il vostro interesse amoroso, allora fareste bene a saperlo. –O5-██.

Direttiva 241-S11, ██/██/20██

Il test di SCP-241 con altri SCP verrà considerato caso per caso. L’esposizione a SCP-682 è già stata considerata e negata. –O5-██.


Addendum 1: Sommario dell’Acquisizione

La Fondazione venne a conoscenza di SCP-241 nell’Aprile 20██, mentre investigava su dei rapporti di una “vedova nera” in ██████, ██, di nome ████████ █████████. La Signora █████████ fu sposata quattro volte, e ognuno dei suoi quattro mariti morì poco dopo la cerimonia dopo aver consumato un pasto a casa. Ad ogni modo, siccome le autorità non trovarono mai delle prove di reato, la Signora █████████ non fu mai accusata di alcun crimine. Successivi interrogatori con la Signora █████████ da parte di personale della Fondazione rivelarono l’esistenza di SCP-241, che fu quindi preso in custodia dagli agenti. La Signora █████████ rivelò di aver realizzato che ci fosse qualcosa di insolito con SCP-241 per la prima volta quando [DATI CANCELLATI]. Vedere il documento [DATI CANCELLATI] per delle trascrizioni degli interrogatori con la Signora █████████.


Addendum 2: Registro Iniziale degli Esperimenti

Tutti i test su SCP-241 sono stati portati a termine nelle Cucine da Test al Sito 19, usando del personale di classe D in qualità di soggetti per i test, tranne dove indicato diversamente.

Test 241-01, ██/██/20██

Soggetto: Il soggetto 241-A è stato scelto tra i civili. Non sono stati utilizzati tratti specifici per la selezione.

Procedura: Al soggetto 241-A viene presentato SCP-241 chiuso e gli si ordina di aprirlo, scegliere una ricetta, prepararla e mangiarla, dando dei feedback durante l’intero processo.

Risultati: Prima dell’esposizione a SCP-241, il soggetto aveva dichiarato di “non aver mai cucinato nulla di più complicato del Ramen.” Il soggetto ha aperto SCP-241, senza riportare nulla di insolito. Il soggetto ha analizzato diverse ricette all’interno di SCP-241, scegliendo le Scaloppine Saltate in Salsa di Vino Bianco. Il soggetto ha preparato le Scaloppine Saltate dalla ricetta di SCP-241, e una volta finito ha fatto notare che non sapeva di esserne capace. Il soggetto ha dichiarato che la pietanza preparata aveva un odore “fantastico”, e mentre la consumava ha dichiarato: “Questa è la cosa migliore che abbia mai mangiato!”

Tre minuti dopo la fine del pasto, il soggetto ha cominciato a mostrare sintomi di shock anafilattico. Il soggetto è stato trattato con delle dosi di emergenza di epinefrina, ma la terapia è risultata inefficace. Il soggetto è morto di shock anafilattico sei minuti dopo (confermato più tardi dall’autopsia). Un seguente esame di SCP-241 ha rivelato che 81 delle sue ricette prevedevano l’uso di molluschi. SCP-241 è stato lasciato aperto.

Analisi: I risultati sono conformi alle precedenti descrizioni degli effetti di SCP-241.

Test 241-02, ██/██/20██

Soggetto: Il soggetto 241-B viene scelto tra i civili. Il soggetto non riporta alcuna allergia conosciuta a scaloppine o altri molluschi.

Procedura: SCP-241 era ancora aperto dal Test 241-01. Al soggetto 241-B viene ordinato di non chiudere SCP-241, trovare la ricetta per le Scaloppine Saltate, prepararla e consumarla, il tutto mentre dava feedback costanti durante il processo.

Risultati: Prima dell’esposizione a SCP-241, il soggetto ha espresso dubbi sul fatto che sarebbe stato capace di preparare la ricetta delle Scaloppine Saltate. Dopo aver preparato il piatto, il soggetto si è dimostrato sorpreso di esserci riuscito, similmente alla reazione del soggetto 241-A, e ha affermato che la pietanza aveva un odore “abbastanza buono”, per poi esprimere nuovamente sorpresa per averlo cucinato. Il soggetto non ha sofferto di shock anafilattico o di qualunque altro effetto avverso dopo aver completato il pasto. Delle osservazioni dopo la fine dell’esperimento del soggetto non hanno rivelato alcun effetto a lungo termine. SCP-241 è stato lasciato aperto.

Analisi: I risultati sono conformi alle precedenti descrizioni degli effetti di SCP-241. SCP-241 potrebbe essere in grado di migliorare in qualche modo le abilità culinarie di chiunque stia preparando la pietanza.

Test 241-03, ██/██/20██

Soggetto: I soggetti 241-C e 241-D sono stati scelti tra i civili. Ambo i soggetti non riportano alcuna abilità nel cucinare e nessuna allergia ai molluschi.

Procedura: SCP-241 era ancora aperto dal test 241-02. Il soggetto 241-C viene istruito di non chiudere SCP-241, trovare la ricetta delle Scaloppine Saltate e trascriverla su un normale foglio di carta. In una cucina da test separata, al soggetto 241-D viene data la ricetta trascritta e viene ordinato di preparare e mangiare il piatto preparato.

Risultati: Il soggetto 241-C ha trovato e trascritto la ricetta senza intoppi. La ricetta trascritta è stata comparata visivamente con la ricetta in SCP-241 ed è stata trovata identica. SCP-241 è stato lasciato aperto. Il soggetto non ha mostrato alcun effetto avverso in seguito all’interazione con SCP-241.

Al soggetto 241-D è stata data la versione trascritta della ricetta e ha tentato di preparare le Scaloppine Saltate, ma ha sperimentato frustrazione e difficoltà nella preparazione, dichiarando diverse volte “Ragazzi, vi avevo detto che non so cucinare!”. La pietanza finale non appariva né profumava lontanamente bene come nei precedenti test.

Il soggetto si è rifiutato di mangiare la pietanza, dicendo che “odora di █████”, ma è stato persuaso a mangiarlo da [DATI CANCELLATI]. Il soggetto ha mangiato approssimativamente il 40% del pasto prima di dichiarare “Mi sento male.”, dopo di che il soggetto ha vomitato. Al soggetto è stato ordinato di finire il pasto, ma ha risposto [DATI CANCELLATI]. Eliminazione del soggetto considerata ma negata in favore di ulteriore sperimentazione.

Analisi: Ulteriori prove che SCP-241 possa migliorare le abilità in cucina di colui che lo usa. Il soggetto 241-D viene trattenuto per ulteriori test.

Test 241-04, ██/██/20██

Soggetto: Soggetto 241-D.

Procedura: SCP-241 era ancora aperto dal test 241-03. Il soggetto 241-D è stato istruito a non chiudere SCP-241, trovare la ricetta delle Scaloppine Saltate, prepararla e mangiarla, il tutto fornendo feedback durante il processo.

Risultati: Il soggetto ha protestato a gran voce del dover mangiare il suo operato, ma è stato persuaso a cooperare con la promessa che non avrebbe dovuto mangiare il risultante piatto se fosse andato come nel precedente test. Il soggetto ha mostrato scetticismo ma ha proceduto a preparare la ricetta delle Scaloppine Saltate. Durante la cottura del piatto, il soggetto non sperimentò alcuna delle difficoltà incontrate nel precedente test, esprimendo invece l’ormai familiare sorpresa riguardo il suo presente operato.

Il piatto completato sembrava e odorava in modo simile al test 241-02. Il soggetto non fu neanche lontanamente riluttante a mangiare la pietanza, dichiarandola “non male… non male per niente.” Il soggetto non ha sofferto alcun effetto avverso durante il consumo del piatto. Durante le interviste post-esperimento, al soggetto è stato chiesto come fosse stato in grado di preparare le Scaloppine Saltate durante questo test quando i risultati del test precedente erano stati così scadenti. Il soggetto ha dichiarato di non saperlo, solo che una volta cominciato a cucinare il piatto, le è diventato perfettamente chiaro come farlo. Il soggetto non ha mostrato di avere alcuna conoscenza aggiuntiva sul cucinare, avendo addirittura problemi a ricordare le tecniche di cucina usate durante il test.

Analisi: Vi è ormai poco dubbio riguardo il fatto che SCP-241 possa trasformare persone che non sanno nulla in fatto di cucina in perfetti chef, per lo meno per quanto riguarda il piatto che sta venendo preparato.

Test 241-11, ██/██/20██

Soggetto: I soggetti 241-E e 241-F sono stati scelti tra i civili. Il soggetto 241-E dichiara di avere un’allergia alle noccioline. Il soggetto 241-F ha dimostrato una considerevole abilità in qualità di chef.

Procedura: Il soggetto 241-E è stato esposto a SCP-241 chiuso e gli è stato ordinato di aprirlo e scegliere una ricetta. Il soggetto 241-F è stato poi istruito a preparare il pasto selezionato da SCP-241. La pietanza finale è stata data al soggetto 241-E, a cui è stato chiesto di mangiarla.

Risultati: Il soggetto 241-E ha aperto SCP-241 e, guardando fra le ricette offerte, ha dichiarato che tutte le ricette richiedevano noccioline, aggiungendo “le noccioline mi incasinano male.” Il soggetto ha trovato alcune ricette che non richiedevano noccioline, e ha scelto una Torta di Carote Australiana. Il soggetto 241-F ha preparato la Torta di Carote da SCP-241 per poi dichiarare che il prodotto finale era meglio di quanto si aspettasse.

La torta è stata presentata al soggetto 241-E, che ha cominciato a mangiarla senza bisogno di ordini o esitazione. Il soggetto ha dichiarato che fosse “la cosa migliore che abbia mai mangiato” e ha mangiato quasi metà della torta prima di dichiararsi sazio. Nell’arco di due minuti, il soggetto ha cominciato a mostrare sintomi di shock anafilattico. Al soggetto è stata somministrata epinefrina, che è risultata inefficace, ed è morto quattro minuti più tardi (l’autopsia conferma lo shock anafilattico come causa della morte).

Le ricette all’interno di SCP-241 sono state esaminate, e 85 delle 99 contenute nel libro richiedevano l’uso di noccioline e derivati, ma la Torta di Carote Australiana non era fra queste. La Torta di Carote e altre sette ricette richiedevano l’uso di farina di lupini; una veloce ricerca ha confermato che la farina di lupini può indurre una reazione anafilattica in coloro che soffrono di allergie alle noccioline. Le rimanenti sei ricette richiedevano ingredienti esotici: due richiedevano [DATI CANCELLATI], e le altre avevano bisogno di [DATI CANCELLATI], rispettivamente.

SCP-241 è rimasto aperto. La rimanente metà della torta è stata conservata per ulteriore sperimentazione.

Analisi: Le reazioni dei soggetti 241-E e 241-F sono entrambi conformi alle osservazioni precedenti. La selezione delle ricette supporta la teoria che SCP-241 in qualche modo determini la sostanza a cui l’Obiettivo è più allergico, e offre delle ricette per indurre specificatamente una reazione allergica fatale nell’Obiettivo. Contattato [DATI CANCELLATI] per delle analisi sulle sei ricette “esotiche”.

Test 241-12, ██/██/20██

Soggetto: Soggetto 241-F. [DATI CANCELLATI].

Procedura: Il soggetto 241-F è istruito a preparare le sei pietanze che non contengono né noccioline né farina di lupini. Le pietanze sono state date a [DATI CANCELLATI] per analisi. Le sei ricette sono state trascritte e consegnate a [DATI CANCELLATI].

Risultati: [DATI CANCELLATI].

Analisi: [DATI CANCELLATI].

Il soggetto 241-F non ha mostrato alcun effetto avverso dopo aver preparato sette diverse pietanze da SCP-241 in rapida successione. Si raccomanda di trattenere il soggetto per lo studio a lungo termine dell’esposizione secondaria (ovvero non dell’Obiettivo) a SCP-241.

Test 241-13, ██/██/20██

Soggetto: Il soggetto 241-G è stato scelto tra i civili ed è risaputo che soffra di un’allergia alle noccioline.

Procedura: Al soggetto viene chiesto di mangiare la rimanente torta dal test 241-11.

Risultati: Il soggetto ha chiesto se la torta contenesse noccioline, ma è stato rassicurato che non ne conteneva. Il soggetto ha dichiarato che non gli piacessero molto le torte di carote, e gli è stato detto [DATI CANCELLATI]. Il soggetto ha cominciato a mangiare la torta, rimarcando che la stessa fosse “abbastanza buona, in effetti”. Il soggetto ha consumato approssimativamente il 75% della torta prima di dichiararsi sazio. Dopo sette minuti, il soggetto ha cominciato a mostrare segni di shock anafilattico. Tramite somministrazione di epinefrina, il soggetto è stato stabilizzato. Il soggetto alla fine si è ripreso completamente, anche se in una tempistica leggermente superiore a quanto prevedibile.

Analisi: Sembra che, sebbene le ricette provenienti da SCP-241 siano potenzialmente letali per chiunque sia suscettibile all’allergene in questione, esse sortiscano un effetto maggiore sull’Obiettivo. I risultati dei test 241-12 e 241-13 incoraggiano a [DATI CANCELLATI] per [DATI CANCELLATI].

Test 241-14, ██/██/20██

Soggetto: Il soggetto 241-H è stato scelto tra i civili. Secondo analisi complete della salute del paziente, il soggetto non ha alcuna allergia alimentare.

Procedura: Al soggetto viene chiesto di aprire SCP-241 e lasciarlo aperto per analisi.

Risultati: L’analisi di SCP-241 ha mostrato che 79 delle ricette sulle sue pagine richiedevano uova o derivati. 15 delle rimanenti ricette richiedevano uova da [DATI CANCELLATI]. Le altre cinque ricette [DATI CANCELLATI]. Queste ultime cinque ricette sono state trascritte da [DATI CANCELLATI] e consegnate a [DATI CANCELLATI].

Il soggetto 241-H ha sostenuto di non aver mai avuto problemi nel mangiare uova, prima d’allora. Al soggetto sono state presentate una dozzina di uova sode di pollo e gli è stato chiesto di mangiarle. Il soggetto ha chiesto sale e pepe (accordato), e ha cominciato a mangiare le uova. Mangiando il terzo uovo, il soggetto comincia a lamentare un dolore allo stomaco. Al soggetto viene ordinato di continuare a mangiare, ed ella acconsente con poco entusiasmo.

All’ingerimento del settimo uovo, il soggetto è collassato sul pavimento, piegato dal dolore. In 60 secondi, il soggetto ha cominciato a mostrare segni di shock anafilattico. Dopo la somministrazione di epinefrina, si è stabilizzato. Il soggetto si è ripreso completamente, in un tempo prevedibile in rapporto all’episodio.

Analisi: Abbiamo ora delle prove che SCP-241 in qualche modo induce od amplifica un allergia nell’Obiettivo, quando aperto. Questa abilità può spiegare come SCP-241 sia in grado di provocare una reazione allergica in degli Obiettivi senza allergie alimentari preesistenti.

Per maggiori informazioni riguardo esperimenti seguenti e in corso, prego consultare il Registro Supplementare degli Esperimenti.


Addendum 3: Note dal Test Incrociato:

Per determinare gli effetti delle ricette di SCP-241 su soggetti che non possono mangiare o non richiedono sostentamento, è stato dato il via libera per un test fra SCP-241 e SCP-1770. Quando il soggetto ha aperto il libro, i contenuti erano identici a quelli del suo ultimo uso. Ciò conferma i risultati del Test 241-23 in cui SCP-241 non risponde a dei soggetti inorganici.


Fonte ufficiale: SCP-241

versione della pagina: 9, ultima modifica: 02 Mar 2017 20:12
Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License

Privacy Policy of website